Legittima difesa: evoluzione storica

La legittima difesa, così come viene oggi intesa, rappresenta in realtà il punto di arrivo di un percorso evolutivo lungo ed antichissimo che, pur mantenendo fermo nel tempo il principio alla base dell’istituto – cioè il diritto di chiunque di difendere la vita propria e altrui da ingiuste aggressioni -, ne ha radicalmente mutato caratteristiche e limiti, progressivamente emancipandolo dalla violenza, armonizzandolo agli altri diritti e principi inviolabili conquistati, affermati e tutelati dall’uomo nel corso della storia e trasformandolo, quindi, da istinto innato dell’uomo, meglio noto come istinto di sopravvivenza, ad istituto legalmente riconosciuto.

Leggi tutto “Legittima difesa: evoluzione storica”

Preparazione tecnica all’autodifesa a mani nude

La preparazione tecnica all’autodifesa deve essere orientata nel senso della massima semplicità ed efficacia, tenendo conto che ciò per cui ci si allena in palestra quasi mai si ritrova per strada.
Per questo i requisiti tecnici si riassumono in senso della distanza, senso del tempo, mobilità posturale.

Prepararsi tecnicamente all’autodifesa a mani nude, non coincide necessariamente con l’apprendimento delle arti marziali come molti credono, anzi…
A prescindere dallo stile scelto, dalla tecnica di lotta a quella pugilistica, ci sono una serie di motivi per cui le arti marziali risultano controindicate per chi vuole imparare a difendersi dalle aggressioni:

  • Richiedono tempi troppo lunghi per poter essere padroneggiate efficacemente
  • Sono spesso ipercomplicate rispetto allo scenario di un combattimento reale, dove invece si richiedono reazioni semplici ed istintive. Molte arti marziali insegnano decine di tecniche tra parate, calci con piroetta, senza piroetta, circolari, laterali, volanti, ecc.
    Tutto questo armamentario risulta non solo inutile, ma perfino dannoso, in quanto ritarda i tempi di reazione in quanto il combattente si trova a dover selezionare tra troppe opzioni, avendo pochissimi istanti per decidere.
  • Non sono alla portata di tutti, richiedendo spesso caratteristiche di scioltezza articolare, agilità e forza incompatibili con certi fattori di sesso ed età
  • Potrebbero essere inapplicabili a meno di rischiare la galera. Alcune arti marziali si esercitano con bastoni, coltelli, spade o altri strumenti proibiti

Leggi tutto “Preparazione tecnica all’autodifesa a mani nude”

Combattimento: la Fobia Umana Universale

Tratto da On Combat di Dave Grossman.

Ho introdotto il concetto di “Fobia Umana Universale” (Universal Human Phobia) nei miei interventi ai convegni annuali dell’American Psychiatric Association e dell’American Psychological Association, e all’International Congress of Criticai Incident Stress Management.
Questo concetto forse non è impeccabile ma almeno consente di dare un nome a una realtà che è generalmente ben nota. Anche l’aggettivo “universale” non è del tutto appropriato, perché questo fenomeno riguarda probabilmente il 98 per cento circa della popolazione.
Tuttavia si tratta di un’accuratezza che possiamo ritenere adeguata nell’ambito delle scienze del comportamento.

Leggi tutto “Combattimento: la Fobia Umana Universale”

Autodifesa a mani nude

L’autodifesa consiste nel reagire in modo risolutivo a un pericolo potenzialmente mortale.
Un combattimento da strada dura solo pochi secondi, in cui ci si gioca tutto e dove non esistono regole.
In questo articolo trattiamo l’argomento nei suoi aspetti tattici e pratici, cercando di tracciare delle linee guida il più possibile generali su come agire se ci si trova costretti a farlo.

Leggi tutto “Autodifesa a mani nude”

L’assertività come difesa dalle aggressioni

LA COMUNICAZIONE NEI CONTESTI DI RISCHIO FISICO

Secondo la psicologia della comunicazione, ogni comportamento è comunicazione e ogni comunicazione è comportamento.
In questo articolo parliamo di come è possibile utilizzare questi concetti nella realtà delle aggressioni da strada e non solo quelle.
Esiste uno stile di comunicazione più “sicuro”?
Certamente si, ma ad alcune condizioni.

La comunicazione e i tipi di relazione

lupi51_119

I documentari di Piero Angela ci hanno spesso riproposto lo studio del comportamento animale e degli aspetti rituali che accompagnano le relazioni tra simili:
lupi, leoni, elefanti, scimmie, cani, gatti ed ogni altra specie animale, che si si tratti di animali domestici o belve feroci, hanno in comune degli schemi di comportamento che li accompagnano nelle loro interazioni.

Comportamenti che denotano dominanza o sottomissione, aggressività o temperamento pacifico, sono stati studiati e classificati in modo da fornire una chiave di lettura utile ad interpretare quello che accade dopo: la lotta o la rinuncia alla lotta, la gerarchia o la fuga dal gruppo, ecc.

Leggi tutto “L’assertività come difesa dalle aggressioni”

Lo sguardo

Tra tutti gli elementi che compongono il linguaggio del corpo, lo sguardo assume un ruolo di rilievo, in quanto esiste una casistica molto ampia di fattacci originati, appunto, da un’occhiata di troppo. Uno dei casi tipici è quello descritto nell’articolo  Aspetti rituali nel combattimento tra umani,  del macho da birreria:
può capitare, al bar o in discoteca, che il vostro sguardo si fissi su un tipo dall’aria poco rassicurante. L’occhiata dura qualche decimo di secondo di troppo, quello se ne accorge e di conseguenza, si avvicina minaccioso rivolgendovi la solita domanda “Che hai da guardarmi? Cerchi guai?…”. E vi ritrovate automaticamente invischiati in un processo di  escalation, dall’esito imprevedibile…

Leggi tutto “Lo sguardo”

Violenze in famiglia

L’assassino non bussa alla porta…
ha le chiavi di casa.

Le violenze in famiglia sono un fenomeno tanto diffuso quanto misconosciuto.

Il 2013 è stato un anno nero per i femminicidi, con 179 donne uccise, in pratica una vittima ogni due giorni. Rispetto alle 157 del 2012, le donne ammazzate sono aumentate del 14%. A rilevarlo è l’Eures nel secondo rapporto sul femminicidio in Italia, che elenca le statistiche degli omicidi volontari in cui le vittime sono donne.

Aumentano quelli in ambito familiare, +16,2%, passando da 105 a 122, così come pure nei contesti di prossimità, rapporti di vicinato, amicizia o lavoro, da 14 a 22. Rientrano nel computo anche le donne uccise dalla criminalità, 28 lo scorso anno: in particolare si tratta di omicidi a seguito di rapina, dei quali sono vittima soprattutto donne anziane.

Leggi tutto “Violenze in famiglia”

Aspetti legali sull’Autodifesa

L’argomento della legittima difesa è uno dei più dibattuti e controversi.
Esiste una sorta di “cultura popolare” che porta taluni a credere che reagire fisicamente a una provocazione sia in qualche modo legittimato dall’esistenza di questa norma.
Di fatto non è così, e purtroppo l’argomento non è così scontato nemmeno nei casi dove l’altrui aggressione è un atto di violenza conclamato.
In questo articolo cerchiamo di fare il punto sulla questione, addentrandoci nei meandri della legge..

Leggi tutto “Aspetti legali sull’Autodifesa”

Krav Maga

krav-maga-logoIl Krav Maga, che in lingua ebraica significa “Combattimento a contatto”, è il sistema ufficiale di autodifesa e di combattimento corpo a corpo delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), della Polizia Israeliana e di altre agenzie di sicurezza. Il Krav Maga viene insegnato anche nelle scuole pubbliche e nei centri didattici affiliati al Ministero dell’Istruzione d’Israele.

Leggi tutto “Krav Maga”

La Paura

Se riuscite a mantenere la calma quando tutti intorno a voi perdono la testa…
forse non avete capito bene la situazione…

La paura è un tema delicato e cruciale, forse il tema centrale di come sopravvivere alla violenza e di come prepararsi ad affrontarla.
Chi ci è passato, infatti, sa benissimo che tale preparazione non può essere esclusivamente tecnica.
Tutti noi prevedendo di trovarci in una situazione drammatica, cerchiamo di elaborare un “piano di battaglia” fatto di ipotesi, e di “cose da fare nel caso in cui…”
Per questo motivo tanta gente affolla palestre, corsi di autodifesa e poligoni di tiro, allenando movimenti e riflessi, cose da fare e non fare, dire o non dire, nel momento in cui incontreranno l’orco cattivo.
Ma allenarsi per sconfiggere i demoni potrebbe non essere tutto, specialmente quando ci si accorge che i demoni sono anche dentro di noi.
Chi ha visto le brutte, quelle vere, ha sicuramente sperimentato il terrore e il suo potere disgregante: la paralisi, l’incapacità di reagire e decidere.

Leggi tutto “La Paura”